"Rimini Magic Week-end - Prima parte" - Il report di William Cavaglieri

“Rimini Magic Week-end – Prima parte” – Il report di William Cavaglieri

 

Report weekend di Rimini – 1° parte  

 



 

Tutto inizia quando la Wizards annuncia il ritorno delle ISS: una vecchia, bella idea che aveva avuto un discreto successo in passato ma che era stata abbandonata per i troppi tornei. Inizio a ragionare sui formati disponibili, e giungo alle seguenti conclusioni:

 

  • Il Legacy è molto tecnico e con tanto spazio per costruire mazzi, ma un po’ troppo veloce e non lo conosco abbastanza; ho solo uno spunto: per come sembrano svolgersi le partite, dove ci sono creature che dominano da sole come Knight of the Reliquary e Thalia, una carta sottogiocata è sicuramente Mantra Riverente… Talmente poco giocata che sul Gatherer della Wizards non c’è. 🙂 Tenete conto che ha più applicazioni di quanto sembra: per esempio rende Anello dell’Oblio un mezzo disastro, se fatta prima che entri in gioco (l’avversario sarà spesso obbligato a rimuovere un suo permanente); neutralizza Rancore, o lo spacca se già in gioco; e non di rado romperà uno stallo di ciccioni (cosa non impossibile in un mirror di Maverick, o contro una schierata di Entreat the Angels).

  • Il tipo 2 è stato approfondito all’infinito, e ci saranno tanti giocatori; peccato perché ho un mazzo mica male…

  • Il Modern sembra carino, ma sarei sicuramente meno preparato di chi ha giocato la stagione dei ptq;

  • Il Blocco ha due mazzi in croce che sono una fotocopia l’uno dell’altro, non proprio il massimo;

  • Il Sealed è troppo a caso, come sempre;

  • Il 2HG avrà dentro tutti i dinosauri del Magic, giocatori forti che vengono tirati fuori e rispolverati una volta l’anno;

  • L’Extended… lo giocheranno in quattro gatti, non ci sono liste online, è molto facile prevedere cosa potrebbe essere giocato… E mi rendo conto di aver già rotto il formato nel 2009… 🙂

http://www.wizards.com/Magic/Magazine/Article.aspx?x=mtg/daily/eventcoverage/worlds09/sndrdtop8decks

Già ho i lucciconi agli occhi all’idea di menare dopo tanto tempo con i miei fedeli soldatini bianchi, con qualche sobrio upgrade tipo Anime Indugianti… Finché non annunciano che l’Extended è stato cambiato in Classic… Amarezza… 🙁

Comunque, a parte la fregatura, l’Extended è un formato orribile che deve solo morire, quindi tutto sommato hanno fatto la scelta giusta.

Finisce qui la mia preparazione per le ISS; limo solo un po’ il mio mazzo di Standard in vista del PTQ.

Partiamo per quel di Rimini io e una macchinata di giovani cartai di Brescia. Normalmente frequento giocatori ben più antichi (alcuni antichissimi… vero Luca Rinaldi?), ma il lavoro fino a tardi mi portano a strani compagni di viaggio. A giudicare da Facebook e dai giornali mi aspettavo una compagnia gaia e dedita al cellulare, a Justin Bieber, alle Mentos con la Coca-Cola e a 9GAG; ma per fortuna erano tutti abbastanza normali, che credo sia il complimento più bello che abbiano ricevuto in vita loro.

Viaggio liscio con intermezzo in quel di Borgo Panigale per vedere la partita; dico solo che ho vissuto 5 anni in Germania e che mia moglie è tedesca, e che per il bene del nostro matrimonio sono contento dei 200Km di distanza che c’erano tra noi.

Il venerdì procede secondo copione: alle ISS dei formati strani sono in quattro gatti, mentre a quelle di 2HG sembra di stare a un Pro Tour; sono in squadra con Nanni Moretti, noto per:

  • non aver mai visto un film di quel registra sinistrorso suo omonimo;

  • avere una dimensione parallela nello stomaco, dove da ragazzo riusciva a inviare 10 Krapfen e 2 tranci di pizza, di routine e senza essere un baule;

  • avere ingoiato un megafono da piccolo (© Nicola Albarelli), unica spiegazione scientifica per il suo pacato tono di voce;

  • aver vinto la coppa Pereira al Pro Tour Kuala Lumpur nel 2008; per chi non la conoscesse, la coppa Pereira viene assegnata a quel giocatore che si qualifica e vola fino al Pro Tour, senza però giocare; assegnata solo due volte, è ben più prestigiosa della coppa Sbiru, che viene vinta dall’ultimo classificato e di cui l’Italia detiene largamente il record. Mentre per il fondatore del trofeo la causa fu uno scambio di troppo, nel caso di Nanni una bella intossicazione alimentare l’ha portato a visitare i prestigiosi ospedali Malesi; e meno male che aveva la carta di credito…

  • essere il fondatore di Manicomix e mio magnanimo Editore, Direttore Naturale, Gran Mascalzon., Lup. Man., Pezz. di Merd., su www.Gamesacademy.it

Facciamo 2-2 battendo Versari+socio-che-non-conosco, Golia+socio-bravo-che-non-ricordo-il-nome, e perdendo da Antonino+Liebermann e da un team a caso. Erano le mie prime partite ufficiali in Two Headed Giant, e due cose le ho imparate: non ti puoi distrarre un attimo che il tuo socio starà attaccando con una creatura a caso; e se senti puzza di fregatura, per quanto inconscia, è meglio non giocare a Diplomacy e seguire l’istinto. Insomma, in 2HG meglio una dittatura illuminata della democrazia.

(in realtà abbiamo giocato meglio in due e ci siamo corretti degli errori a vicenda, è stato anche divertente; ma più seriamente, credo che una personalità dominante sia meglio di due sullo stesso piano)

Il fulcro del venerdì sera a Rimini non può che essere una sfida al meglio delle 10 contro Davide “tengo con 6 terre un elfo” Barossi. Davide è una giovane promessa del tiro alla fune italiano, che sto cercando di allevare secondo i più sani principi della scuola romana: col bullismo. Rimetto in riga il piccolo ribelle con un secco 6-3 e dormo il sonno dei giusti (Davide, grazie per l’aperitivo).

Il sabato c’è il WMCQ, a me escluso perché ho fatto solo il ptq Brescia quest’anno (http://www.gamesacademy.it/Frontend/Negozio/games-academy/Contenuto/2012/4/30/ptqstandardbresciailreportdiwilliamcavaglieri). L’alternativa è un GP trial Modern: una sfida abbastanza interessante, considerando che non so neanche quali espansioni siano legali e che ho solo un mazzo da scegliere, il RUG di Antonino De Rosa, vincitore del GP Torino. Giusto per la cronaca, questa è la lista che ho giocato:

2  Pozza Prolifica

1  Foresta

6  Isola

4  Foresta Pluviale Nebbiosa

1  Montagna

4  Laghetto Bollente

2  Fumarie di Vapore

1  Stomping Ground

4  Scopritore di Segreti

1  Metamorfosi Phyrexian

4  Mago Lanciorapido

4  Tarmogoyf

2  Cricca Vendilion

2  Fulmine Dirompente

2  Ordine Criptico

2  Privare

4  Fulmine

3  Indebolimento Magico

4  Visione del Siero

3  Perforamagie

1  Trappola per Magie

2  Catene Vedalken

1  Capocaccia delle Colline

Sideboard

2  Antico Rancore

4  Luna Insanguinata

2  Bruciare

1  Capocaccia delle Colline

1  Negare

2  Reliquia del Progenitus

3  Fili di Infedeltà

Di base mi manca un Garruk Spietato che sostituisco con la carta che ci assomiglia di più, un Capocaccia delle Colline della side originale di Antonino (sì, avrei potuto trovarlo, non avevo voglia). Inoltre aggiungo un Bruciare, un Fili di Infedeltà e una Luna Insanguinata perché mi dicono che ci saranno tanti Jund e Splinter Twin, e che Restoration Angel ha vinto il GP precedente. Grazie al buon Enrico per le carte.

Round 1 Vs Jund (mazzo nero-verde-rosso con scartini, spari e creature che danno vantaggio carte)

La prima mulligo a 5, tengo con una terra, e vado in flood di terre base diverse, che non vanno molto in combo con Ordine Criptico. La seconda ho una Luna Insanguinata di 3° quando lui ha giù solo un Confidente Oscuro. Il Confidente rivelerà 6 terre di fila, di cui nessuna base, mentre la sua draw step gli regalerà altre 3 terre su 6… Il mio avversario rosika il giusto. La terza mulligo a 5 e lui parte con doppio scartino: mi toglie Fulmine Dirompente, Privare e mi lascia Tarmogoyf e Metamorfosi Phyrexian… Da qui penso di essere sotto un treno: le sfide di verde contro verde sono quasi sempre una gara a chi riesce a tenere un Goyf in più in campo, il fatto che non me lo abbia scartato per me vuol dire che ha già una risposta. E invece il mio avversario stava puntando tutto su Confidente Oscuro: ma non solo il suo Confidente Oscuro morirà dopo un paio di turni, ma il mio Tarmogoyf + clone con Metamorfosi Phyrexian faranno coast to coast di 20 danni, con lui fermo a 2 terre.

2° Turno – Jund

Partite abbastanza standard, con le solite interazioni di due mazzi a creature; nella terza partita mi trovo a poter scegliere se bloccare un Crumiri della Cucina o un Villaggio Arboricolo, con lui a 6 terre. Sono indeciso per un po’, finché decido di bloccare Crumiri della Cucina: post side è più probabile che io peschi una soluzione a Villaggio Arboricolo, o comunque che lui peschi Bloodbraid Elf e non riesca a fare tutto con il mana. Due turni dopo arriva una Luna Insanguinata.

3° turno – Splinter Twin (mazzo combo che fa token infiniti con Gemellare e Esarca Ingannatore)

Pur non avendo mai letto le liste, sembra un match molto semplice: devo mulligare fino a che non ho almeno una creatura per menarlo e una qualche forma di disruption (che poi è un requisito valido contro l’80% dei mazzi). Va tutto come da manuale, con la prima che vinco agile nonostante mi preoccupi un po’ perché resto fermo a 2 sole terre. Per la cronaca pago l’inesperienza nel formato perché non considero che, causa abilità di tap, non può scombare nel suo turno, e gioco intorno a 6 mana + due pezzi quando non devo.

Dopo due grasse patte al 4° e 5° turno, mi trovo contro:

Quarti di finale – UGW Bant

Una lista che non conoscono con Uccelli del Paradiso, Cavaliere del Reliquario, varie fatine tra cui la fastidiosa Ranger di Scryb. La prima vinco con una mano aggressiva con lui che si ferma a 3 mana, di cui 2 terre. Avergli tuonato 1 Gerarca Nobile e 1 Uccelli del Paradiso non lo ha aiutato di certo. La seconda mi trovo davanti un Cavaliere del Reliquario equipaggiato con Spada di Fuoco e Ghiaccio, mentre io dispongo di un Capocaccia delle Colline non flippato, un Scopritore di Segreti, e in mano un Metamorfosi Phyrexian in mano e un Ordine Criptico. Sento puzza di suo counter, entrambi siamo alti di vite. Le possibile combinazioni sono numeri che fanno girare la testa (Copio il suo Cavaliere del Reliquario col mio clone? Copio il mio Capocaccia delle Colline? Passo, giro Capocaccia delle Colline, gioco l’ Ordine Criptico e rischio il suo counter?). Decido di andare d’ignoranza: copio la sua Spada, equippo e meno. Nel suo turno fa: meno e ammazzo Delver con la Spada, Cricca Vendilion con cui mi toglie Ordine Criptico, Patto dell’Esilio su Capocaccia. Resto in mutande e non tocco più palla. Ancora non so quale era la giocata migliore (se avesse avuto una qualche contromagia sarebbe stato un mezzo disastro). Probabilmente non c’era via di uscita, anche perché era abbastanza bravo, e avrebbe probabilmente capito che avevo Ordine Criptico in mano.

Il terzo game parto con doppio Delver; nel suo turno gioco Cricca Vendilion, a cui lui risponde con la sua; mi mostra una mano con ogni ben di dio, tra cui doppio Cavaliere del Reliquario, mentre i miei Delver non vogliono girarsi. Sento già che la partita mi sta scivolando di mano, quando dalla sua parte salta fuori dalla cima del mazzo pure una Catene Vedalken… Arriva quindi il mio turno e rivelo… Antico Rancore! Per giocare le Catene Vedalken il mio avversario si era preso già diversi danni dalle terre, e da lì non recupera più. Resta il fatto che giocando così mi ha dato una via d’uscita, mentre se avesse iniziato giocando i Cavaliere del Reliquario e prendendosi qualche danno di terra in meno, avrebbe potuto facilmente vincere la race.

Semifinale – UW good stuff con i piccioni

Non so bene che mazzo sia, né cosa mi possa fare. Il primo game parto aggressivo con doppio Goyf e non ha modo di gestirli, anche perché fatica ad arrivare al 4° mana. La seconda inserisco 3 Luna Insanguinata, pur sapendo di non poterci fare troppo affidamento, perché mi mi aveva mostrato  alcune terre non base tipo Covo nella Brughiera e Grotta Mutevole, e avevo avuto l’impressione che non ci avrebbe giocato intorno. La seconda partita va per le lunghissime, con lui che non si espone mai e gioca molto d’attesa. Dopo molti turni riesco a far passare Luna Insanguinata, che lo lascia con 4 isole ma nessun mana bianco. Chiudo di lì a dopo.

Finale – UR Splinter Twin, un tipo simpatico di cui ora mi sfugge il nome (credo abbia vinto un ptq)

Teatrino iniziale con dialogo abbastanza surreale con più o meno queste frasi, dette da entrambi: “Ma tu ci vai?” “nah, tu?” “Boh, quand’è?” “Non lo so, arbitro?” “A xyz luglio” “E in che formato?” “Legacy” “Ma dov’è Gent?” “Belgio” “No no, poi lei mi rovina”

Giochiamo quindi per la gloria e 12 grasse bustine in più.

La prima tengo una mano con doppio Delver, Foresta Pluviale Nebbiosa, sparo da 2. Sono stato criticato per questa scelta, forse a ragione; ma, pur avendo solo letto la lista, ero convinto che contro UR combo si perde a partita molto lunga. Avendo la pressione iniziale e un minimo di card-selection con la terra fetch, ho preso il rischio. Un’altra scelta probabilmente sbagliata è quando a metà partita (cioè, il 3/o turno…) ho tenuto un Tarmogoyf con Visione del Siero per poterlo uccidere un paio di turni più in fretta. Avrei forse dovuto metterlo sotto e sperare di pescare qualcosa per contrastarlo. Detto questo, mi massacra in scioltezza chiudendo al 5° con pezzi in avanzo in mano. ☺

La seconda e a la terza non sono memorabili: nella seconda mi trovo con i contrasti giusti giusti per non farlo scombare (con annessa sensazione di sottile agitazione, visto che mi sentivo sempre a un pelo dal lasciarci le penne); la terza lo trovo con le terre giuste giuste perché non faccia nulla finché non è troppo tardi.

Detto questo, ho trovato il Modern un bel formato e spero ristamperanno le terre di Ravnica; se lo facessero potrebbe davvero avere una sua community: il punto d’incontro tra i giocatori di Legacy e i giocatori di T2. Ma forse aver vinto mi ha reso troppo entusiasta. 🙂

Settimana prossima arriverà il report del PTQ Rimini, con spiegazioni in dettaglio e genesi della mia strana lista. Come sempre, commenti e domande qua sotto. Alla prossima!