Report partita: Scontro tra Regni

Report partita: Scontro tra Regni

L’ obiettivo reale degli Skaven è conquistare l’ antico monumento del guerriero, Il tricheco, in modo da poterne studiare gli antichi poteri.

Gli eserciti schierati si fronteggiano, nonostante l’ alleanza tra Impero e Demoni rimane un ovvia spaccatura tra loro, rimanendo di fatto due armate schierate solo verso lo stesso nemico.

Gli infidi Skaven invece hanno studiato bene la situazione e il campo, preparando così le loro trappole micidiali.

 

1° TURNO SKAVEN

Gli Skaven sono i primi a muovere, avanzando con l’ armata verso i demoni, e bombardando con il fuoco dei cannoni fulmine warp e la catapulta della peste i ranghi imperiali.

Sin dall’ inizio i ratti in esplorazione colpiscono duro il nemico, colpendo varie volte con le loro armi di warpietra la Custode dei Segreti…il più giovane dei demoni maggiori fa un grosso errore e viene rispedita nel Warp colpita da vari colpi venefici.

 

1° TURNO ALLEANZA

I demoni capiscono subito di dover correre in corpo a corpo, la loro abilità nel combattere è di molto superiore a quella skaven. 

L’ impero avanza con le fanterie e scatena la sua artiglieria di cannoni, mortai sulle linee skaven, le unità vacillano però rimangono disciplinate.

 

2° TURNO SKAVEN

Si preparano a subire l’ assalto dei demoni e fiancheggiano con il terribile abominio e il potente Grande Infesto il fianco imperiale, e sorprendono il nemico nuovamente, i ratti dei vicoli, arrivano dalle loro gallerie e compaiono al centro dello schieramento imperiale, tra le varie macchine da guerra, pronti per assaltarle e togliere il problema del fuoco nemico.

Il grande veggente grigio alla guida dell’ armata decide di scatenare i poteri della magia, lanciando una pestilenza tra le linee nemiche, uccidendo così vari demoni di khorne e orrori.

L’ abominio e il grande infesto si preparano a fronteggiare la carica della cavalleria pesante dell’ impero guidata dal grande maestro imperiale.

 

2° TURNO ALLENAZA

Le demoniette guidate dall’ araldo riescono a caricare la ruota del destino, assaltandola al momento giusto, e distruggendola così in corpo a corpo, la stessa cosa fanno i mastini di khorne.

L’ araldo di tzeencht, decide di rifar pagare la stessa moneta agli skaven e richiamando gli abitanti del profondo, questi terribili creature divorano molti monaci della peste, però l’ incantesimo viene lanciato con troppo forza scatenando una forza inarrestabile, che fa esplodere il mago e uccide qualche orrore vicino a lui.

L’ impero dal canto suo continua a bombardare le linee nemiche, il grande maestro capisce il pericolo di fronte a lui, ordina ai cavalieri di prepararsi a reggere la carica, mentre i cannoni colpiscono pesantemente l’ abominio, che viene ferito gravemente, però grazie alla sua abilità di rigenerazione, riesce a recuperare alcune ferite subite.

Il carro a vapore avanza tranquillo verso il fronte nemico, nulla può distruggerlo in corpo a corpo e sul tiro da parte degli skaven.

 

3° TURNO SKAVEN : la forza dell’ orda si scatena

I demoni si sono fatti arroganti avvicinandosi troppo alle unità skaven, il prete della peste dall’ alto della fornace ordina di caricare i sanguinari, la sua fede nella peste lo rassicura, la stessa cosa fanno gli incensiferi della peste, caricando l’ orda di sanguinari guidati dall’ araldo. Lo scontro è terribile, l’ araldo sfida il prete sulla fornace, uccidendolo con un colpo mortale, i preti dal canto loro con la massa enorme della fornace schiacciano tutta l’ unità numericamente, e gli incensiferi sul fianco infliggono terrificanti ferite…le perdite sono alte su entrambe le fazioni, però gli skaven sono tanti, troppi…e i demoni spariscono nel warp.

L’ abominio, seguendo il Grande Infesto, carica la cavalleria pesante imperiale, la sua massa orribile, nell’ impatto schiaccia troppi cavalieri, uccidendoli all’ interno della sua armatura, il Grande Maestro Imperiale, per difendere i suoi uomini, sfida la divinità skaven, che in tutta la sua malvagità sfoderà l’ antica arma, il falcione del fato, squartando così l’ impavido guerriero.

La linea imperiale a perso così il suo generale, causando panico tra le linee, alcuni soldati meno disciplinati scappano dal campo di battaglia, mentre gli altri si preparano a fronteggiare questo terribile nemico.

Uno stregone ingegnere pazzo, con l’ agile balzo si porta di fronte al carro a vapore, con un terribile sorriso, guarda questa magnifica macchina da guerra e la fronteggia, da sotto il suo mantello estrae una sfera d’ ottone, grande come un pugno e fatta di ruote dentate, in grado di aprire una spaccatura nel piano della realtà, risucchiando chi si trova vicino allo scoppio nel deforme regno del caos. L’ ingengnere lancia all’ interno della bocca del cannone questa piccola sfera, poco dopo tutto implode in un buco nero, risucchiando il carro a vapore e lui stesso…che fine magnifica per uno skaven…una morte onorevole e degna di essere narrata per secoli.

Gli skaven incoraggiati da questi ultimi avvenimenti si sentono sempre più invincibili, il loro numero li incoraggia e li fa sentire sempre più coraggiosi.

 

3° TURNO ALLEANZA

I demoni del caos capiscono che ormai le perdite sono troppe, di fronte all’ orda skaven schierata di fronte a loro difficilmente riusciranno a fare qualche cosa, rompendo l’ accordo preso con l’ i soldati imperiali, tornano nella loro dimensione, senza preoccuparsi delle conseguenze.

Gli imperiali, sono rimasti da soli, il capitano affiancato dall’ alfiere da battaglia fa riorganizzare le linee, una staffetta viene mandata ad avvisare la capitale, all’ esercito viene dato l’ ordine di tenere la posizione a costo della morte, gli skaven potranno anche vincere però la loro avanzata deve essere rallentanta.

 

TURNI SUCCESSIVI

Il veggente grigio, controllando dall’ alto della sua campana vede tutto il campo di battaglia, le unità skaven accerchiano l’ esercito imperiale mentre il Grande Infesto, nonostante l’ abominio sia esploso dopo una cannonata, continua a flagellare le linee dall’ interno, aiutato dalle piccole unità di vicoli.

I soldati imperiali combattono fino alla fine, fino all’ ultimo uomo, perchè gli skaven non fanno prigionieri…conquistando così l’ antica rovina e guadagnando nuove armi da poter usare nella prossima battaglia.

 

Al prossimo scontro…VIENI ANCHE TU A PARTECIPARE con il tuo esercito in uno scontro epico, passa in negozio, TI ASPETTIAMO da Manicomix in corso Palestro 50/A.

Per qualsiasi ulteriore informazione potete contattare il negozio:

brescia2@manicomix.it

Tel. 030 46 177