La Storia di Magic The Gathering: Quarantunesima Parte

La Storia di Magic The Gathering: Quarantunesima Parte

Durante una delle visite di Urza a Tolaria, il planeswalker chiese a Barrin di viaggiare nel nordest di Jamuraa per fare un rapporto della crescente aggressività dei Keldoniani lì presenti. Barrin accettò quasi con entusiasmo, se non altro per sfuggire alla vita mondana di Tolaria. Barrin incontrò Teferi,che era diventato un personaggio di vitale importanza per tutto il nord di Jamuraa.

Teferi mostrò a Barrin i meravigliosi artefatti della Lega Kipamu, che stava utilizzando in larga scala contro l’aggressione dei Keldoniani. Dopo una breve schermaglia, Barrin accettò di aiutare la Lega più che poteva in quel difficile periodo. Barrin utilizzò come base delle operazioni una base aerea locale. Fu lì che Barrin conobbe la maga locale Alexi, la cui nave era stata colpita dalle chiatte di Keld. Promettendo vendetta verso coloro che avevano ucciso gran parte della sua squadra, la maga si unì alla Lega contro il nemico comune.

Insieme, Barrin ed Alexi riuscirono a riprendere un deposito di rifornimenti che era stato catturato dai Keldoniani.Le molte settimane successive vennero spese attaccando i vascelli da esplorazione di Keld. Barrin ed Alexi usarono la loro magia per ritardare l’invasione finale di Keld nel territorio della Lega. Tuttavia era evidente che senza l’aiuto di Teferi la Lega non era abbastanza potente. Barrin sapeva che neppure un planeswalker poteva essere in dieci posti contemporaneamente,così decise di chiedere rinforzi. Nelle settimane successive Rayne arrivò dall’Accademia,portando con sé alcune dozzine di allievi e numerosi artefatti. Barrin era felice per i rinforzi,ma fu spaventato dal fatto che Urza ne mandasse così pochi per una battaglia tanto importante. Dopo che anche Teferi ebbe espresso simili preoccupazioni, Rayne spiegò che le forze di Tolaria erano indispensabili anche in molti altri luoghi del multiverso,vista l’imminente invasione di Phyrexia.Adirato per la negligenza di Urza verso la Lega Kipamu, Teferi cercò i rinforzi altrove. Trovò questi rinforzi grazie all’aiuto di una vecchia amica, Jolrael, che aveva avuto una parte importantissima nelle guerre di Mirage alcune decadi prima.

Rayne e Jolrael partirono assieme a molti studenti nella speranza di fornire a Barrin alcune utili informazioni prima che cominciasse la vera battaglia. Barrin riposizionò le sue forze ad Arsenal City, una base strategica di grande importanza e prossimo obiettivo dell’attacco Keldoniano. Barrin incontrò Mageta il Leone, generale di tutte le forze della Lega in quell’area. Mageta descrisse a Barrin l’importanza delle poche creature artefatto della Lega, che Barrin sperava fossero sufficienti a proteggere la città. Barrin venne scosso dalle altre informazioni che gli diede Mageta: la città non aveva altre forze. Se le macchine fossero state sconfitte,la città sarebbe certamente caduta.