Carcassonne

Carcassonne

Carcassonne


Lingua: Italiano
Giocatori: 2-5
Durata media: 1 ora
Età consigliata: 8+
Difficoltà: Semplice
Ambientazione: Fantasy/Medievale
Espansioni disponibili:11 + 6 mini espansioni 

Abbazie e Borgomastri

Bazar, Ponti e Castelli

Catapulta

Commercianti e Costruttori

Festa in Carcassonne – 10° Anniversario 

Fiume in Carcassonne – Gioco Base 

Il Conte, il Re e l’Eretico

La Principessa e il Drago

La Torre

Locande e Cattedrali

In arrivo – Carcassonne: Mini Espansioni

Le Ali

Il messaggero

Il traghetto

La miniera

Il mago e la strega

Il brigante

Ambientazione

Il nome del gioco deriva dall’omonina città medioevale francese. Componendo la mappa con l’avanzamento della partita si avrà una plancia creata dai giocatori stessi, e che alla fine andrà a creare Carcassonne. Grazie a questo metodo di gioco le partite risultano sempre diverse e le stesse mappe avranno schemi e strategie sempre nuove.

Il Gioco

Si gioca in 2-5 giocatori (6 con l’espansione “Locande e cattedrali”).

Il tabellone, costituito di tessere quadrate, rappresenta un paesaggio medioevale e viene costruito dai giocatori stessi un pezzo alla volta. All’inizio del gioco, una singola tessera è posizionata sul tavolo, scoperta; le altre tessere (71 nella versione base del gioco) sono posizionate coperte e mischiate. Ciascuna di tali tessere rappresenta un frammento di paesaggio.

Ogni partecipante parte con 7 segnalini da posizionare sul tabellone per delimitare le zone in proprio possesso. Le tessere, per lo più tutte diverse tra loro, raffigurano i campi, la città, le strade, i monasteri e il fiume. Quando un giocatore posiziona una tessera, può anche piazzare uno dei suoi segnalini, chiamati seguaci, su questa per poter guadagnare punti. I seguaci così piazzati avranno un valore diverso a seconda della tipologia di terreno su cui vengono messi.

A turno, i giocatori estraggono una tessera coperta dal mucchio e la posizionano scoperta sul tavolo, in contatto con le tessere già piazzate attraverso uno o più lati (non di spigolo). La nuova tessera deve essere posizionata in modo coerente con le altre, in modo da proseguire eventuali strade, campi, città o fiumi già presenti.Dopo aver posizionato la tessera, il giocatore può decidere di piazzare una pedina detta seguace su di essa (solo sulla nuova tessera). Il seguace reclama la proprietà di un elemento di terreno (una strada, un campo, una città o un monastero) e non può essere piazzato su un elemento già reclamato da un altro seguace.

I segnalini su strade e città aumentano il loro valore in relazione alla lunghezza/grandezza dell’opera, una strada incompleta, a fine partita, ha comunque un valore pari al numero di pezzi che la compongono, mentre una città incompleta dà solo la metà dei punti. I segnalini su strade e città, possono essere recuperati e riutilizzati nel corso del gioco, i segnalini messi per controllare i campi, invece, vengono conteggiati a fine partita, avendo così un potenziale maggiore.

Durante la composizione della mappa, i Seguaci posizionati potrebbero trovarsi in conflitto con quelli di altri giocatori, costringendovi a dividere i punteggi se non proprio a perderli del tutto (in caso di supremazia di un giocatore in una città). I monasteri, che risiedono su una singola tessera, risultano un ottimo modo per garantirsi il punteggio della tessera.

Il seguace assume un ruolo diverso in funzione dell’elemento su cui viene collocato: “ladro” sulla strada, “cavaliere” sulla città, “monaco” sul monastero, “contadino” sul campo.

Mentre i contadini rimangono sulla tessera fino alla fine della partita, gli altri tre tipi di seguaci possono essere rimossi e riutilizzati qualora l’elemento associato venga completato e non sia più espandibile. Una strada è completata se entrambe le estremità terminano in incroci, città o monasteri. Una città è completata se le sue mura formano una figura chiusa.Un monastero è completato se è circondato da 8 tessere in tutte le direzioni. Un elemento reclamato da più seguaci porta punti al giocatore che possiede più seguaci su quell’elemento (o a più giocatori nel caso di parità). Il punteggio aumenta con la lunghezza delle strade e con le dimensioni delle città ed in relazione ad alcuni elementi speciali (alcune aree cittadine possiedono uno scudo e valgono il doppio), contenuti soprattutto nelle espansioni. I punti relativi agli elementi rimasti incompleti, verranno attribuiti al termine della partita.

Il gioco termina con il piazzamento dell’ultima tessera, e vince il giocatore che ha totalizzato più punti.

Contenuto

Tabellone segnapunti, 40 pedine in legno colorato (8 per colore), 72 tessere componibili e il regolamento.